Valori

Fiducia reciproca, interesse comune  

VALORI

Attraverso le generazioni, vicini alle persone, alle imprese e ai territori.

 

Art. 2 dello Statuto Sociale

Principi ispiratori

 

«Nell’esercizio della sua attività, la Società si ispira ai princìpi dell’insegnamento sociale cristiano e ai princìpi cooperativi della mutualità senza fini di speculazione privata.

 

Essa ha lo scopo di favorire i soci cooperatori e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione e l’educazione al risparmio e alla previdenza nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera.

 

La Società si distingue per il proprio orientamento sociale e per la scelta di costruire il bene comune.

 

È altresì impegnata ad agire in coerenza con la Carta dei Valori del Credito Cooperativo e a rendere effettive forme adeguate di democrazia economico-finanziaria e lo scambio mutualistico tra i Soci Cooperatori nonché la partecipazione degli stessi alla vita sociale».

VALORI

La Carta dei Valori del Credito Cooperativo

VALORI

La Carta dei Valori del Credito Cooperativo

Nel 1999 il Credito Cooperativo ha presentato la propria Carta dei Valori, un documento che rappresenta, da un lato la Carta Costituzionale di riferimento; dall'altro, la Carta di orientamento per l'azione delle BCC. La Carta dei Valori dunque, esprime i valori sui quali si fonda l'azione delle Banche di Credito Cooperativo, la loro strategia e la loro prassi; racchiude le regole di comportamento e rappresenta gli impegni della categoria.
In questo senso la Carta dei Valori è il suggello del Patto tra il Credito Cooperativo e le Comunità locali, e attraverso esse con il Paese. 

VALORI

La Carta della Coesione

VALORI

La Carta della Coesione

Nella Carta dei Valori si dichiara che il Credito Cooperativo italiano si impegna "a cooperare in maniera nuova e più intensa tra banche, tra banche e organismi di servizio, tra banche e fabbriche di prodotti e soluzioni che abbiamo costruito nel corso degli anni". Nel 2005, nel rinnovare l’impegno delle BCC con il Paese per continuare a contribuire al suo sviluppo durevole e partecipato, vengono invece fissati i principi che orientano le evoluzioni organizzative del modo di stare insieme nel Credito Cooperativo.